mercoledì, ottobre 22, 2008

Noi lo avevamo scritto ma.....


Crisi mercati. Il tragico dubbio del Times: aveva ragione Marx?

Roma, 22 ott. (Apcom)
- Con un ampio articolo di analisi il Times di Londra, tempio dell'opinione pubblica conservatrice britannica, affronta un sospetto che sta affiorando in forma più o meno latente da varie parti: l'attuale crisi finanziaria globale conferma forse le analisi di Karl Marx? Non sarà, si chiede l'analista Philip Collins sul giornale, che tra tante profezie andate a vuoto almeno su una cosa l'autore del Capitale aveva visto giusto? L'attuale crisi è una prova della ciclica e 'anarchica' instabilità del capitale globale come sostenuto da Marx?
A colpire, oltre all'ampia analisi di Collins e agli interventi s di autorevoli commentatori - da Eric Hobwsam a Frank Furedi - sono in risultati di un sondaggio online condotto dal giornale tra i suoi conservatorissimi lettori. La domanda "ma allora Marx aveva ragione" spacca il pubblico del quotidiano e il "no" vince, per ora, di strettissima misura con un 52,6% contro il 47,4%.

Noi lo avevamo scritto(basta dare un'occhiata al post precedente) ma siamo stati presi per visionari

1 commento:

libertyfighter ha detto...

Ti prego. Carl Marx non è il terrore di governi e banchieri (leggo dal precedente post). Carl Marx è il paradiso di tutti i governi. Ogni governo vorrebbe una giustificazione al totalitarismo che Carl Marx gli fornisce su un piatto d'argento. Il libero mercato non funziona, quindi potere assoluto al RE.
L'altra teoria, "il mercato si autoregola e se il re ci mette mano, fa solo sconquassi", è invisa intrinsecamente a tutti i governi.
Sul fatto che la teoria di Marx non funzioni in quanto basata su una base teorica sballata (teoria del valore lavoro, secondo cui una cosa ha più valore quanto più tempo e lavoro ci metti a produrla), non commento neppure.