giovedì, maggio 29, 2008

"Mamma,mamma papà ha toccato il culetto alla mia tata"


La vicenda degli arresti di napoli sulla questione rifiuti e le intercettazioni telefoniche(almeno quelle pubblicate sui giornali) offrono un quadro drammatico e sconfortante del comportamento di una struttura(nei suoi vertici più alti) come il commissariato straordinario ai rifiuti. Una struttura dotata di poteri straordinari e in deroga a parecchie leggi ordinarie, la struttura che rappresenta il Governo del Paese e che si comporta come il rappresentante della camorra che, nel bel film Gomorra, assicura una procedura "clean" all'industriale del nord che deve smaltire i rifiuti pericolosi della sua azienda. Controlli falsi,false certificazioni, e smaltimento di rifiuti non trattati nelle discariche pubbliche(non quelle abusive gestite dalla camorra).(i particolari stanno tutti nel post precedente a questo)

Uno scenario inquietante e pericoloso per la salute non solo di chi vive vicino a quelle discariche ma anche(attraverso l'inquinamento delle falde acquifere e dei terreni) per coloro che ignari mangeranno i prodotti agricoli raggiunti da quell'inquinamento.
Ebbene in questo scenario il corriere della sera(insieme ad altri grandi giornali) e politici di maggioranza e opposizione si interrogano sulla "tempistica" del provvedimento giudiziario, sulla eventuale guerra tra i giudici e berlusconi, su sgambetti vari ecc.
Non una parola,non un commento indignato o preoccupato sugli effetti sulla salute dei cittadini e sulla credibiltà delle istituzioni dopo quello che è saltato fuori.
Non una parola sul destino infame di un popolo come quello napoletano oggi e di quello che potrebbe succedere all'intero popolo italiano domani.
A me viene in mente una storiella che ho letto da qualche parte e che riporto di seguito:

"Mamma,mamma ho visto papà che toccava il culetto alla tata" esclama la bimba mentre sono tutti a cena, ci sono anche i nonni.
"cara non si dicono queste cose su papà.." risponde la mamma
"ma allora papà può farlo.."
"cara adesso basta ma come ti viene in mente di dire queste cose" interviene il papà
"si papà ma perchè l'hai fatto?" insiste la piccola
"adesso basta piccolina queste cose non si dicono e tanto meno a tavola" interviene la nonna
"si ma perchè papà l'ha fatto?"
"vedete quello che succede al giorno d'oggi? non c'è più rispetto da parte dei figli" dice la nonna
"si hai ragione ma è colpa della scuola di oggi" interviene il nonno
"ma io vorrei sapere perchè papà l'ha fatto mamma" insiste il diavoletto
"adesso smettila non è nè corretto nè opportuno parlarne in questo momento" sbotta la mamma.
"ma io vorrei sapere..." ancora la piccola
"basta va in camera tua...ormai non c'è più religione, questi bimbi sono diventati tutti monelli e impertinenti!!" conclude il papà.

32 commenti:

il Russo ha detto...

La vignetta migliore é quella su Repubblica di oggi dove ellekappa al profilarsi del caldo dei mesi estivi parla del solito "clima ad orologeria".
A mio giudizio ad orologeria oggi sono state sparate dai tg e non solo tante di quelle idiozie che mandano immediatamente le notizie sull'inchiesta napoletana fra la notizia di la Russa da Fiorello e l'esonero di Mancini all'Inter...
Oggi tutti a parlare del Pigneto, dell'allarme lanciato da Manganelli, il maltempo qua a nord ecc.
Che vomito ragazzi!

♥gabrybabelle♥♥ ha detto...

Post ben esplicativo sui fatti,nei fatti e foriero di lucidita' mentale sopraffina,il problema è che spesso....."si gettano perle ai porci...."laddove i porci si ammntano di fango con Laurea.Me ne faccio una pippa di simili porcicon laurea(o la laura,?si forse è laura),preferisco persone semplici e leali nonchè oneste,ma la tv imperante di berlrusconiana oltre ad aver fatto proseliti nelgi ultimi 25 anni ha insegnato come(marketing pubbliciatrio)r in che maniera forviare le menti con "spot"chiamati telegiornali,speaker chiamti giornalisti(ma si limitano a leggere merda...cc..) e la gente assimila volente o nolente tanto di quel fango da non rendersi conto di essere diventati di fango,ma se preferisci di munnezza.E cosi' ti rendi conto di parlare a vuoto!!
gabrybabelele

'tore e'santalucia ha detto...

azz' stu post è 'nu grande col!!
complimenti nembokì

la giornalista ha detto...

vedo che insisti,il post di oggi è veramente efficace. Comunque apprezzo la tua determinazione e la tua passione nel condurre questa battaglia impari.
ps. la foto del bimbo è bellissima!!!

mano de dios ha detto...

esto post es un dribling, es un bombon..me gusta mucho

giornalista(senza La) ha detto...

@la giornalista
si è una battaglia impari soprattutto contro un giornale come il corrierone e gli interessi enormi che si stanno giocando in questa puzzolente partita.
Forse non dovremmo lasciare solo clark kent e anche noi giornalisti dovremmo cominciare a"chiedere con più forza" ai nostri direttori di poter scrivere liberamente di queste cose.
ps..ma quel bimbo, clark, è forse tuo figlio?

zorro napoletano ha detto...

caro superman dovrete piegarvi leggi un pò....
ASCA) - Roma, 29 mag - ''Ho visto come stanno vivendo i napoletani. Vogliamo fare tesoro degli errori del passato. Non esiteremo ad adottare scelte anche dolorose per riportare in Campania una situazione di normalita'''. Cosi' il ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo, in audizio in Commissione Ambiente alla Camera, che inizia oggi l'esame del decreto legge sull'emergenza rifiuti in Campania.

ex bassoliniano ha detto...

eeeh si, acro clark; se accanto a quella di Prestigiacomo leggi la dichiarazione del presidente onorario della Legambiente,ministro ombra dell'ambiente del governo ombra del Pd capirai che ti devi stare.ehehehe

luigi romano ha detto...

Caro Clark, qui la situazione è di una gravità mostruosa, a dir poco. In un paese di corrotti, a tutti i livelli, a partire dai tanti rinviati a giudizio o condannati che siedono in Parlamento, unico paese al mondo, agli imprenditori furbi e furbetti, che per decenni non hanno mai pagato tasse, (oltre 220 miliardi di imponibile annuo evaso, che ci ha portato ad avere il più grande debito pubblico europeo, 1630 miliardi di euro)alle oltre 200.000 leggi spesso inosservate, ai referendum ignorati dai governanti, ai 10.000.000 ed oltre di cause arretrate, con tempi della giustizia che superano i 10 anni, altre record mondiale, a settori dello Stato che si attaccano giudizialmente ad ogni piè sospinto, ad una classe politica autoreferenziale e spocchiosa (D'Alema), con un primo ministro che ha il più grosso conflitto d'interesse della storia moderna, come si può sperare che il problema rifiuti venga risolto? Mi dispiace ma, a mio avviso, la classe dirigente e politica che ci troviamo, non lo risolveranno il problema dei rifiuti della Campania. Nessuno vuole un ciclo virtuoso dei rifiuti in Campania, immaginate voi quanto ci perderebbero imprenditori, che occupano quell'aria grigia ed i loro amici del Sistema? cioè la camorra?
Ho visto recentemente Gomorra, sui titoli di coda c'era scritto che Scampia è il più grande mercato al mondo all'aperto della vendita di droga!!! Tutti gli apparati dello Stato che trattano queste problematiche conoscono questo problema. E che cosa stanno facendo per abbattere quegli obbrobri, che si ha vergogna ad essere napoletani ed italiani, solo a guardarli? assolutamente nulla,? quanta gente ci lucra? ci mangia? ecc? In quale paese al mondo si notano le cose denunciate da Roberto Saviano? Bisogna solo andare via, qui non si può più restare, l'estate stà arrivando.

clark kent ha detto...

@il russo
è vero la vignetta di elle kappa vale tre editoriali
la tv e i giornali sono asserviti in questo ha ragione grillo ma dobbiamo insistere

@gabrybabelle
benvnuta -:)
@mano de dios
benvenuto e grazie per il bombon :)

clark kent ha detto...

@giornalista e la giornalista
si il bimbo è bellissimo ma purtroppo non è mio -:)

@exbassoliniano
La coppia Prestigiacomo/realacci effettivamente fa paura non foss'altro perchè avrei visto meglio,come dice il mio amico Beau, un'accoppiata realacci/bindy -:)

@luigi romano
benvenuto anche a te-:)
comprendo perfettamente il tuo pessimismo ma "si deve" resistere, occorre non rassegnarsi, certo è faticoso e a volte anche frustrante ma dobbiamo resistrere e possibilmente contrattaccare. anche i blog possono servire

francesca laurito ha detto...

clark hai fatto centro sei su giornalettismo.com, su tocqueville e da oltre un'ora sulle hot di virgilio!!
gran bel post e bellissimo bimbo!

lex luthor ha detto...

la cosa che mi brucia di più è il dover ammettere che stavolta sono completamente d'accordo col post

clark kent ha detto...

@francesca laurito
ho visto ho visto ..grazie anche se tu non fai numero, sei una mia fan ehehehehe

tillj ha detto...

questo post è semplicemente schifoso!!
dove la mettiamo la monnezza sotto casa tua???

clark kent ha detto...

@tillj
che succede tillj? questo linguaggio non è da te....

francesca laurito ha detto...

che fine hanno fatto Margherita e Eleonorae???

calamity jane ha detto...

caro clark kent era un pò che non passavo, il post è molto buono ed efficace ma nun ce sta nient'a fa!!
andrannio avanti come un treno, gli interessi sono troppo forti e l'opinione pubblica nazionale è cloroformizzata dai media(pochi si collegano o si possono collegare ad internet), quella napoletana è cloroformizzata dai media, dal clientelismo di regime e dalla rassegnazione.

ancora di sinistra(ma per poco) ha detto...

si caro superman, calamity ha ragione. hai visto qualche reazione indignata o protesta nel popolo napoletano dopo la notizia degli arresti e le intercettazioni???
che il buo dio ce la mandi buona!

federica ottieri ha detto...

anch'io la penso come i commentio che precedono, Non so se hai letto lìeditoriale di Schiavone su la repubblica, ecco io penso che abbia fotografato la società napoletana

pangea blu ha detto...

eeeh purtroppo così va il mondo caro kent, d'altronde Grillo denuncia da tempo le nefandezze della stampa italiana.

Donna Cannone ha detto...

Ciao. Perchè non fai più i consigli e le citazioni?

la vera calamity jane ha detto...

Clark, ti vedo in forma!
Vedo che la questione rifiuti ti ha indotto a lucidare il tuo blog. Hai scritto cose sacrosante. Purtroppo tutto quello che hai detto è vero ma non da ora! E non è solo il Corriere a far finta di non vedere, perchè così "ha da essere". La maggior parte dei giornali fa lo stesso. E dei politici locali che si sono riposizionati. Il Governo non si era ancora insediato e già Porta a Porta con i suoi illustri ospiti tuonava che i napoletani non vogliono risolvere la crisi della munnezza. Che ora basta, quei quattro fetenti e mestatori cosa vogliono! E poi i poteri a Bertolaso, la Superprocura, le manovre sottobanco. Tutto vergognoso. E tutti i tromboni ad allinearsi. Ma,ripeto,già le somme si potevano tirare da tantissimo tempo. E se qualcuno scriveva o diceva "A", si poneva dei dubbi, era un estremista. Solo ora ce ne accorgiamo?

Tisbe ha detto...

Prima o poi i nodi verranno al pettine

luigi romano ha detto...

Inviata a Corrado Augias ieri!

Sul sito di oggi di Repubblica ci sono foto che ritraggono Berlusconi, di nuovo a Napoli, con Maroni, la Prestigiacomo, Pansa, DeGennaro, Bertolaso ecc, e una foto in particolare mi ha fatto molto riflettere. Bassolino che allunga il collo per ascoltare meglio quanto Berlusconi gli stava dicendo e la Iervolino che prendeva appunti con penna nella mano destra e scriveva su un blocco notes.

E' stata una foto certamente significativa dello stato in cui è precipitato il nostro sgangherato paese. Che tristezza vedere il nostro primo ministro che, dalla Capitale dove risiede il Parlamento e la sede del Governo, deve venire in una delle città del paese per dover risolvere uno dei problemi più incredibili che un paese moderno ed industrializzato deve risolvere. Quello della pulizia, dell'immondizia, della incapacità dimostrata da una classe politica che da anni amministra una grande città del paese, di tener pulite le città, i paesi, le strade provinciali e comunali strapiene di immondizia di tutti i tipi. In quale paese al mondo, se non in un paese dove la politica è assolutamente incapace di risolvere anche i più elementari bisogni delle città, poteva accadere quanto stiamo increduli osservando.

In un paese normalissimo i Bassolino e le Iervolino si sarebbero dimessi da anni. Qui non ci pensano neppure a dimettersi, sono stati incriminati e rinviati a giudizio, ma sapendo che la giustizia in Italia non condanna mai definitivamente nessuno, se non dopo il terzo grado, che arriva dopo almeno 10 anni e poi spesso i processi vanno rifatti per cavilli e difetti procedurali vari, non si fanno da parte. Dignità ed etica sono parole prive di significato, per loro.

Un primo ministro che si deve scomodare per il problema più elementare che qualsiasi altra comunità estera ha risolto da anni, in Campania siamo invece all'anno zero. Con circa 7 mila tonnellate giornaliere di immondizia prodotte. Dobbiamo mettere su treni le nostre scorie e mandarle all'estero. E' mai successo nella storia degli ultimi 100 anni, una tale spropositata vergogna?

Amministratori che sono stati ovviamente bocciati, il loro operato giudicato inutile, disastroso, inconcludente, il paese che stà facendo clamorose figure di inefficienza e paesi nostri concorrenti che si fregano le mani contando il numero di turisti che hanno cambiato destinazione per le loro imminenti vacanze.

Lo sguardo di Berlusconi è emblematico, certamente troppo preoccupato, ma anche seccato, annoiato, incredulo, chiama, vuole ed ha di fronte a se, come un amministratore delegato che chiama i dirigenti chiaramente incapaci e responsabili di immani disastri, e gli comunica ufficialmente il licenziamento immediato.

Bassolino che allunga il collo perchè è incredulo alle accuse, oppure perchè finge di non sentire nè di capire, e la Iervolino che seccata, scocciata, per l'invasione di campo che deve subire nella propria città, che amministra da almeno un lustro, che non vede l'ora che la riunione finisca e questi scocciatori se ne ritornino al loro lavoro precedente, e che farà le solite dichiarazioni alla stampa ed alla TV, con le sue demenziali risposte, come se lei fosse la sindaca di una città modello ed in perfetta efficienza, e che le critiche sono ingiuste. Lei ha la coscienza apposto ed il suo operato è cristallino, ha sempre e solo lavorato per migliorare la città ed i risultati si vedono, ... dice lei.

Ma quando ci libereremo di questa classe politica?

Ha giustamente ragione il presidente Napolitano di essere estremamente preoccupato.

Personalmente non vedo l'ora di cambiare paese.

-------------

Clark, mi dispiace dirlo, ma siete solo dei meravigliosi illusi, sperare che le cose potranno cambiare!!!

Brino Brucci ha detto...

Diciamo che il liguaggio di Tillj è un po' forte ed il post di Kent è sul piano giornalistico ottimo, ma io quoto Tillj perché qui si ciulla nel manico e proprio non ci si vuole rendere conto che - cito l'ottimo Beau su altro blog - Annibale è ormai alle porte.
Le chiacchiere, le polemiche, le lotte per la sopravvivenza dell'ambiente, le dietrologie anticapitalismo in odor di camorra, le faremo DOPO: ora sversiamo grazie.
Anche al Virgiliano, se questo serve a placare gli animi, ma orsù, sversiamo.

emanuela ha detto...

Colpa della scuola...
Colpa di...
Buon 2 giugno

luigi romano ha detto...

Clark

ma dove possono mai essere trovate la forza per la resistenza e per la pazienza; dopo anni di dimenticate promesse e di una Iervolinda che disprezza e ignora le grida di dolore che vengono da una città ormai in ginocchio, e sommersa dall'immondizia, con una differenziata che non decolla, in nessun posto della città. Oltre ad un Bassolindo, che dal suo blog, sembra che viva in un altra dimensione, dove tutto va bene e continua a guardare positivamente al futuro, e indicare ai gonzi che gli credono, opportunità, iniziative, propositi, tavole rotonde e quadrate, ecc, mentre le società miste che ha creato, piene di amici suoi, sprecano centinia di milioni di euro, PER NON FAR NULLA, (guarda la Recam, dove un certo Raccuglia, amministratore delegato, ha alle dipendenze decine di uomini che avrebbero dovuto bonificare i Regi Lagni, ed in anni non ne hanno bonificato neppure UNO, ma lo stesso hanno fatto quelli dell'Asia che di 2500 dipendenti, solo 500 lavoravano,- denunciato da Report). C'è qualcuno che si dimette?
In un qualsiasi paese europeo le dimissioni sarebbero state date anni fà.
Qui c'è solo tracotanza, malversazione, autoreferenzialità, tanta falsità ed ipocrisia, sperpero di danaro pubblico per ottenere consensi elettorali, ecc.
NOn ci sono speranze. Giuseppe D'Avanzo ha ragione nello scrivere che Napoli rappresenta ormai lo "scarto d'Italia".
Chi può fa benissimo ad andarsene, qui non c'è futuro.
C'è solo un passato remoto, risalente a 50 anni prima, di una bellissima città, decantata da poeti, scrittori, pittori, musicisti, che ormai si è estinta, sotterrata, solo i colti e raffinati conoscono. La massa li ignora.
Mentre il passato recente, è meglio dimenticarlo, gli storici tra 50 scriveranno solo poche righe per descriverlo, meglio sorvolare, per non sollevar l'olezzo dell'immondizia che ha sommerso un'intera regione. Assieme ad una inutile classe politica e dirigente.

clark kent ha detto...

@ brino brucci e luigi romano
vi siete.come dire,assuefatti.
Non è vero che non si può cambiare ...basta volerlo ed organizzarsi in prima persona e poi con altri.
Brino ..sversismo ovunque (e soprattutto non facciamo e non facciamoci domande)purchè sversiamo..è proprio ciò che vuole chi ha scientemente e colpevolmente creato e protratto l'emergenza

Anonimo ha detto...

vabbe', continua pure a pensare che è tutto un complotto, clark ... del resto ragioni come il tuo nome: come un fumetto!

clark kent ha detto...

@anonimo
diciamo che che come un fumetto come "il Divo"...a pensar male qualche volta si coglie ehehehehehe

Brino Brucci ha detto...

Ciao Clark
Purtroppo il tempo è tiranno, e sempre più spesso mi capita di sfogliare quotidiani e rotocalchi con settimane di ritardo.
Il buon Gianpaolo Pansa ha scritto su di noi e sulla nostra munnezza un paio di Bestiari niente male, almeno per me.
Se li hai letti, passa oltre, altrimenti perdili cinque minuti.
Ciao

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Napoli-non-ce-piu/2026725/18


http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Bertolaso-deve-vincere/2027868/18