giovedì, settembre 29, 2005

Stavolta sto con lui.....

Non amo particolarmente Berlusconi anzi!
Sicuramente non sopporto la Lega di Bossi e questo governo mi ha deluso, sono stato contrario alle cosiddette "leggi ad personam" e non credo che voterò per la cdl.
Ma questa volta hanno ragione....
Le modifica della legge elettorale è sacrosanta!
Sono stato tra quei pochi(il 18% se non ricordo male) che al referendum sul maggioritario votò contro.
Si fece la legge maggioritaria per semplificare la vita politica e diminuire il numero dei partiti, a distanza di oltre un decennio il numero dei partiti è raddoppiato(erano 9 oggi sono oltre 18), il potere di veto di partitini o addirittura di partiti formati da 4 deputati paralizza istituzioni locali e nazionali, favorisce lobbies e interessi di vario tipo.
Il maggioritario è in contraddizione con la democrazia, occorre tornare al principio:UNA TESTA UN VOTO!!
Voglio votare nel mio collegio elettorale il candidato che più mi rappresenta e non quello che hanno deciso i partiti della coalizione per rispettare equilibri e spartizioni interne!
Stavolta spero veramente che Berlusconi e i suoi alleati vadano fino in fondo ed approvino la modifica della legge elettorale.
Pregandoli però di NON introdurre la lista bloccata perchè oggettivamente consegnerebbe nelle mani di pochissimi dirigenti di partito il potere di designare tutti i candidati(passeremmo dalla padella alla brace!!)
Stavolta sto con lui!!!

ps. a nulla vale l'obiezione secondo la quale non si cambia la legge elettorale a pochi mesi dalla fine della legislatura, e quando si dovrebbe fare? all'inizio!? Per poi sciogliere il parlamento ed andare a nuove elezioni?
Vorrei ricordare che il precedente storicamente più illustre della modifica della legge elettorale a pochi mesi dalle elezioni fu un grande statista di sinistra, si chiamava F.Mitterand!!

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Hey, you have an impressive blog here! Excellent job. I have
a sharp vacuum cleaner site. It pretty much
covers sharp vacuum cleaner related stuff.

Come and check it out when you get time :-)

Piano B ha detto...

sacrosantissime parole le tue! votando per un "partitino", condivido la tua opinione.
il problema è però che essendo in Italia, con il proporzionale ci ritroveremo in eterno con un governo di partiti di centro. insomma, dovendo scegliere con chi allearsi, poco ma sicuro che la Margherita lo farà con l'UDC e non certo con Rifondazione...

diessino deluso ha detto...

magari....
sono perfettamente d'accordo!

letizia palmisano ha detto...

l'italiano medio neanche ha tempo di ascoltare e capire i programmi elettorali (la sostanza delle elezioni), non si possono sovrapporre ulteriori informazioni su un argomento tecnico (la forma).

se si fanno le riforme queste devono entrare in vigore non prima D un paio d anni prima anche perchè i partiti stessi sono organizzazioni che prendono forma in base alla situazione attuale. ma ci vuol tempo x riorganizzarsi. immaginiamo una squadra di calcio che si organizza per far scendere in campo 11 giocatori con determinati ruoli e che ha il portiere migliore del campionato. l'altra squadra, a corto di portieri, decide le regole per tutti e il giorno prima della partita decide che si gioca senza portieri e magari con un campo di dimensioni diverse. entrambe astrattamente avrebbero 2 squadre uguali ma nella sostanza è così oppure la squadra in difficoltà si è fatta un vestito su misura?

e se invece si dicesse che queste regole, anche se non approvate, entrassero in vigore dalla stagione successiva, la prima squadra non avrebbe tempo di adeguarsi?

fibi ha detto...

grazie della visita. molto ben fatto il tuo blog. ciao.

grazia ha detto...

per Letizia
..pur di fare un dispetto a Mastella va bene qualsiasi riforma!!!!

Anonimo ha detto...

Si, il vero problema sono Mastella e i trasformisti e gli opportunisti che infestano destra e sinistra in questo paese.
Uno sbarramento al 2 o meglio al 3%
risolverebbe un sacco di problemi.
carlo

St Louis Cardinals BUFF ha detto...

Prenotazioni online per la Galleria degli Uffizi
economici