martedì, maggio 06, 2008

A Verona hanno massacarato e ucciso un ragazzo senza motivo? Non vi fate ingannare però


Massimo Franco, noto ed autorevole opinionista del Corriere della Sera, sul giornale di oggi ha avuto il compito,assegnatogli dal direttore Paolo Mieli, di spiegare ai lettori dell'autorevole quotidiano di via solferino che dopo la morte del povero ragazzo veronese il Paese non deve porsi il problema della violenza inspiegabile e cieca o, magari, il brodo di coltura fascista che potrebbe nascondersi dietro l'uccisione gatutita di un ragazzo che si rifiuta di dare una sigaretta. No, occorre spiegare agli italiani che,superata la naturale reazione emotiva, devono saper razionalizzare e sforzarsi di analizzare freddamente le conseguenze, quelle sì davvero preoccupanti, di quel gesto insano.
E M.Franco esegue diligentemente sul giornale di oggi(a pg.13) scrivendo tra l'altro:

"L'omicidio di un giovane a Verona da parte di un gruppo di naziskin e gli scontri provocati a Torino dai centri sociali della sinistra radicale sono richiami ruvidi alla realtà"(...) "Il presidente della camera G.Fini definisce più gravi gli scontri antiisraeliani di Torino (...) e finisce per sottovalutare l'impatto enorme provocato dalla sorte del ragazzo veronese(..)"
"Colpiscono tuttavia anche le reazioni strumentali della sinistra comunista indulgente cerso i centri sociali. Sembra il tentativo disperato del radicalismo antagonista bocciato dell'elettorato di ricostrursi un'identità inseguendo i movimenti e di accreditare un rigurgito neofascista(...)".
"(...)L'IMPRESSIONE FINALE E' QUELLA DI UNA POLEMICA STERILE.
Probabilmente dipende dal vuoto che si crea tra un governo che se ne va e l'altro che non gli è ancora subentrato".
Avete capito adesso?

19 commenti:

rigitans ha detto...

no non capisco. io non sono comunista, nè estremista. una contestazione alla fiera del libro dedicata ad israele dopo che era stato promesso fosse dedicata all egitto credo ci possa stare. bruciare bandiere meno, non piace, ma non è reato, seppur atto riuprorevole. massacrare di botte una persona e portarla alla morte mi sembra una cosa orrenda, tanto piu se l educazione e la cultura di queste persone sono influenzate da un ideologia politica. se avveniva a sinistra era lo stesso per me. quindi strumentale un cavolo. per me c'è gravità in questo fatto. quando arriverà qualche fatto grave anche dall altra parte sarò pronto a criticare allo stesso modo l accaduto. ma bruciare una bandiera di israele non equivale ad uccidere di botte una persona. non a casa mia

Alessandro Biamonte - Buongiorno Napoli ha detto...

Concordo con Rigitans

il Russo ha detto...

Innanzitutto ben tornato!
E tu sei perso il tgregime5 di ieri sera che partendo da un ragazzo che a Verona é stato ammazzato per i capelli lunghi da dei fascisti (parola mai pronunciata a dire il vero) alle curve ultras divise a metà fra estrema destra e estrema sinistra...

'tore e'santalucia ha detto...

forse bisognerebbe smetterla una buona volta col buonismo veltroniano e cominciare a riprendere in considerazione l'idea di farli tornare nelle fogne....

fiacot ha detto...

che tristezza!
una polemica sterile? Un ragazzo muore e la chiamiamo polemica sterile? Io mi chiedo una cosa, perchè il neo presidente della camera non va a dire alla mamma del ragazzo morto che non si deve preoccupoare perchè la morte di suo figlio non è così grave?
Certo si rischia di cadere nel semplicistico destra al potere= nazi in azione, ma se Fini non avesse parlato....

Anonimo ha detto...

operai che muoiono nelle fabbriche e nei cantieri come mosche ogni giorno, salari da fame, precarietà diffusa, Fucili pronti in padania, maziskin che ammazzano di botte in sei contro uno...nembokì non sarebbe ora di scetarsi??

mario ha detto...

Ero al corteo del 1° maggio a Torino e non ho visto scontri.Cazzo mi sono perso qualcosa o il giornalista è solo un bugiardo?

Tisbe ha detto...

Ma il signor Fini per caso ha detto altrettanto chiaramente che è grave bruciare le bandiere italiane? Non è quello che si propongono di fare i suoi alleati leghisti?

Nicole ha detto...

polemica sterile??

l'unica cosa di sterile è stata il seme di intelligenza che quei genitori hanno piantato nei loro figli.

oblomov ha detto...

Il mutato clima politico subito ha prodotto effetti nefasti. Non dimentichiamoci che nei primi mesi del passato governo Berluscono ci furono i tragici giorni di Genova...

Anonimo ha detto...

lasiamo perdere per un attimo gli articoli oggetto del post. Apriamo una breve parentesi.

@'tore e santalucia
Ancora con questa cosa vomitevole dei fascisti nelle fogne.
Forse sarebbe ora di non generalizzare e di parlare con rispetto anche di chi è di destra (la metà e più del paese), non uccide né ucciderebbe mai nessuno, esprime civilmente le proprie idee e si deve pure sentire minacciato da pesudo brigatisti rossi in divenire come te, che vedono come unica soluzione ad un gesto violento - che è di destra come la pizza è americana - altra violenza.
Ma ho capito il genere: tu ed altri illustri ospiti del blog siete probabilmente di di quelli che pensano che Carlo Giuliani fosse un martire ed il carabiniere che ha sparato un pazzo omicida.
Di quelli che pensano che bruciare bandiere sia democratico e libertario ed anche un pò trendy.
Insomma di quelli "due pesi e due misure".
Molto bello, veramente.

@ tutti
Prendete le decine di gesti di violenza omicida gratuita che ci sono quotidianamente in Italia e cercate di etichettarli. Sono di destra o di sinistra?
Forse sono solo gesti di violenza omicida e basta.
No, non è così: c'è più gusto a dare addosso al fascista. La violenza è di destra. bene.
Chiedetelo a Bocca che non fa altro che sputare odio sugli avversari politici se la violenza è SOLO di destra. Chiedetelo a Pansa quando tenta di presentare i suoi libri sul '45 e dintorni se la violenza è SOLO di destra. Chiedetelo a Oliviero quando dice che al billionaire lui ci andrebbe soltanto con la cintura imbottita di tritolo se la violenza è SOLO di destra. Chiedetelo a D'Antona, Biagi, Tarantelli Moro e compagnia bella se la violenza è SOLO di destra. Chiedetelo ai tibetani se la violenza è SOLO di destra.
C'è qui il fior fiore dei bloggers illuminati. Vorrei essere illuminato anche da voi, grazie.

Robesiperre

Anonimo ha detto...

Ah, a proposito dimenticavo la più bella di tutte: chiedetelo al Papa quando gli impediscono di parlare nelle Università se la violenza è SOLO di destra se per caso non abbia anche qualche minima, malintesa contaminazione, di sinistra, laica e illuminista.
Robespierre

clark kent ha detto...

@robespierre
hai scelto un nick molto impegnativo e..certamente non di un non violento ehehehe

@anonimo e 'tore
calma e gesso , calma....

@rigitans, il russo, fiacot,mario
il clima sta cambiando e il vento di dsestra soffia forte

@tisbe
Fini è sempre stato un cinico della madonna

@nicole
così sembra ma i genitori sono speso incolpevoli, a volte sono i "padri putativi" i veri colpevoli

@ per tutti
comsiglio di leggere l'editoriale di G.Polo sul Il Manifesto di oggi
:)

pangea blu ha detto...

siamo d'accordo col post
e col permesso di clark kent segnaliamo un ot..

"Il Paese più liberale del mondo"
su http://pangeablu.blogspot.com

Lebosq ha detto...

Sono d'accordo col primo commento

@robespierre
non si parlava della "metà e più del paese", non dirmi che stavi generalizzando

Anonimo ha detto...

@clark kent
Seguito suo suggerimento e letto editoriale segnalato.

Risposta troverà su questo fondo di Cervi.

http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=259701

Posso capire la difficoltà (o pregiudizo) di alcuni - non Sua, in quanto padrone di casa ospitale e tollerante - di riusscire anche soltanto a posare gli occhi su il Giornale. Ma conviene farlo anche per sapere come la pensa l'altra metà + 1 del mondo, quella da ricacciare nelle fogne.
merci

Robespierre

Ps C'è un interessante articolo sul Corriere del mezzogiorno di oggi a proposito di imbianchini volontari che cancellano deliranti scritte neofasciste viciono a scienze politiche - che, detto per incidens, essendone testimone oculare, sono lì non dal 25 aprile come si mente nell'articolo, bensì almeno da un paio di mesi (e scriviamola tutta la verità, signora autrice dell'articolo), per favore) Perbacco, giusto. Se non fosse che sul muro accanto ad Eldo, all'amgolo tra Monteoliveto, medina e sanfelice, di fronte alla Questura, troneggia lo slogan degli autonomi Più sbranghe meno bonghe?
E queste dolci ed affettuose paroline quando le cancelliamo tollerantissimi signori antifascisti/antiviolenza?
Anche su questo mi piacerebbe che qalcuno si degnasse di darmi una risposta.

mariad ha detto...

Fini poteva elegantemente dire che si tratta di un avvenimento drammatico che va punito severemente, chiunque l'abbia commesso. E poteva fermarsi qua...
invece quella precisazione sulla manifestazione di Torino la dice lunga sul suo modo di essere.

Delle bandiere bruciate di torino se ne poteva parlare in ambito diverso, è il paragone tra le 2 vicende ad essere immorale e fazioso.
Altro che critica sterile!

Anonimo ha detto...

http://www.corriere.it/cronache/08_maggio_08/pestaggio_verona_un_solo_colpo_fatale_8a2a8d86-1cc3-11dd-95fc-00144f486ba6.shtml

Per dovere di cronaca.
Robespierre

Anonimo ha detto...

Cominciamo con una bomba atomica a Montecitorio.
Poi bruciamo vivi tutti i terroni.
Dopo facciamo impalare tutti gli extracomunitari dai nostri alleati NATO Turchi (che ci sanno fare).
Poi sventriamo quella troia della Prestigiacomo con 30 cazzi in culo.